La strada del Prosecco

Durante le festività natalizie siamo stati ammalati, e questo è stato l'unico giro che siamo riusciti a fare. Volevamo andare in un posto diverso dal solito e così abbiamo deciso per la strada del Prosecco.
Abbiamo preso spunto da un giro proposto dalla guida del Tourign Club Italiano, che parte da Conegliano e arriva a Vittorio Veneto.
 Abbiamo saltato le città (Conegliano e Vittorio Veneto, che sono comunque belle da vedere) per questioni di tempo.
 
Da Conegliano ci siamo diretti verso San Pietro di Feletto.
Il panorama che si è aperto davanti a noi ci ha indotti a fare una sosta per fare qualche foto.
Siamo saliti alla Pieve di San Pietro, che presenta degli affreschi quattrocenteschi e romanico-bizzantini sia all'esterno che all'interno.

Pieve di San Pietro di Feletto

Affresco esterno della Pieve
Da qui (e anche dalla strada) si gode di un panorama senza eguali sulle colline, completamente ricorperte dei vigneti del Prosecco.
Panorama
Panorama
Da qui si prosegue verso Soligo.
Abbiamo voluto fare una deviazione verso Refrontolo, al Molinetto della Croda, un angolo quasi da favola della Marca Trevigiana.
E' un mulino ad acqua ancora funzionante e all'interno viene fatto vedere il funzionamento.
Il consiglio è di andare anche nella parte posteriore da dove si vede il Molino dall'alto. 

Molinetto della Croda, Refrontolo.
Molinetto della Croda dall'alto.
La cascata
 Dal Molino quindi abbiamo proseguito il nostri giro.
Non abbiamo avuto il tempo di soffermarci sui piccoli paesi che si passano, ma alcuni valgono una sosta (tra cui Cison di Valmarino).

Le colline del Prosecco
Vigneti lungo la strada del Prosecco.
Poco dopo  Cison di Valmarino, si può prendere la strada che porta a Passo San Boldo. Vale la pena andarci. Il passo è magnifico sia dal punto di vista tecnico (gallerie elicoidali, a senso unico, dove ci passa giusta un'automobile) sia dal punto di vista paesaggistico.
Arrivati al passo fermatvei a guardare alcune vecchie foto al bar/ristorante e un po' di informazioni sulla costruzione delle gallerie.

Le gallerie di Passo San Boldo dal basso.
 Tronati sui nostri passi, si passano i laghi di Revine (valgono una sosta) e se si volesse si può contunuare verso il lago di Santa Croce, prima di arrivare a Vittorio Veneto.

Il giro proposto dalla guida si vede da questa mappa presa dal sito http://www.coneglianovaldobbiadene.it/

Link

Commenti